Tante novità per il primo parco d’Italia, la Citta della Domenica

La Città della Domenica, il primo parco divertimenti in Italia, compie 50 anni e per festeggiare questo traguardo per la stagione 2013 proporrà tante novità. La Citta della Domenica è stata ideata e realizzata da un geniale imprenditore di Perugia, Mario Spagnoli.

Il parco fu aperto al pubblico il 21 Aprile del 1963 con delle attrazioni molto sorprendenti per l’epoca: una pista da sci in plastica, una manovia, una pista da bob, un trenino sul lago e un gigantesco missile, fedele riproduzione di quello che in quelli anni porto il primo uomo nello spazio, inoltre dal parco si poteva ammirare uno tra i più bei panorami dell’Umbria.


Per festeggiare le nozze d’oro tra la Citta delle Domenica e la città di Perugia dove il parco è da tutti molto amato, sono state organizzate varie iniziative ed eventi culturali. Inoltre accanto alle attrazioni storiche come il Villaggio di Pinocchio, il Bosco delle Streghe, il Labirinto e il Trenino originale dell’epoca (attivo da 50 anni dal 1963), per il 50esimo anniversario si potrà visitare un museo a cielo aperto, ed altre novità che saranno svelate nelle prossime settimane.

Presso il parco divertimenti la Citta della Domenica è presente un’area naturalistica dove ammirare daini, mufloni ed altre varietà di animali italiani protetti ed in via d’estinzione, liberi per i boschi. Coinvolgenti e divertenti spettacoli presso la Fattoria degli Antichi Mestieri e l’area del vecchio West. E seguire un percorso didattico presso la Torre di Darwin sull’evoluzione che comprende tra l’altro un rettilario con serpenti e coccodrilli, un vero Osso di Mammut e diversi fossili preistorici.

Un’ottima occasione per tornare a visitare il primo parco divertimenti d’Italia ed uno dei parchi più amati dai bambini e famiglie.


La Citta della Domenica, il primo parco di divertimenti d'Italia compie 50 anni

La Citta della Domenica, il primo parco di divertimenti d’Italia compie 50 anni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *